L’esodo del maggio 1940 in Francia

L’esodo del 1940 in Francia è la massiccia fuga di popolazione civile francese, belga, olandese e lussemburghese avvenuta nel maggio-giugno 1940, quando l’esercito tedesco invase il Belgio, i Paesi Bassi e la maggior parte del territorio francese durante la battaglia di Francia.
Questo esodo è stato uno dei più grandi movimenti di massa del XX secolo in Europa.
L’esodo ha colpito prevalentemente la parte settentrionale del paese: quasi un quarto della popolazione francese del tempo, circa otto-dieci milioni di civili, si è incamminata verso sud mescolata con le colonne di soldati in ritirata, a volte senza meta, sotto l’effetto del terrore causato dalle truppe tedesche.
In poche settimane, da otto a dieci milioni di persone sono fuggite dal nord al sud della Francia, portando con sé un magro bagaglio in un caos eterogeneo di pedoni e veicoli di tutte le sorte.
I rifugiati sono stati mitragliati e bombardati dai bombardieri tedeschi Junkers Ju 87 “Stuka” in picchiata dotati di sirene soprannominate “trombe di Gerico”, ultimo ritrovato della guerra psicologica.
L’esodo ha disperso un gran numero di famiglie; molti i bambini perduti che non hanno ritrovato i loro genitori. Per molti mesi i giornali erano pieni di annunci di famiglie che cercano parenti o i loro figli; la Croce Rossa francese stima 90.000 per il numero di bambini perduti.

Exode de 1940 en France

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...